• «L'arteterapeuta mi aiutava ad aiutarmi.
    Ho scoperto che forse la medicina per la mia malattia fosse proprio l’arte.»
    Carla, 18 anni, paziente anoressica all’Ospedale regionale di Lugano

  • «E solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il sé.»
    Donald Winnicott, pediatrae psichiatra

  • «Il servizio di pediatria è come un porto sicuro.»
    Dr Valdo Pezzoli, primario servizio di pediatria, Ospedale regionale Lugano

  • «La creatività è contagiosa, trasmettila anche agli altri.»
    Albert Einstein

  • «La musica, ovvero il linguaggio dei sentimenti, riesce a gettare ponti anche dove la lingua fallisce.»
    Valerij Gergiev, direttore d’orchestra e padrino della Fondation ART-THERAPIE

  • «Lodo la danza che richiede tutto, che favorisce salute e chiarezza di spirito, che eleva l’anima.»
    Sant’Agostino

Ostschweizer Kinderspital (OKS) St. Gallen

Arteterapia e musicoterapia nei reparti di psicosomatica/psicoterapia, neonatologia, oncologia
Nascite pretermine, disturbi della regolazione, malattie tumorali, malattie psicosomatiche, disturbi post-traumatici

La Fondazione Ostschweiz Kinderspital St. Gallen (OKS) è un centro ospedaliero di medicina per bambini e adolescenti e corrisponde a un centro di formazione e aggiornamento professionale della categoria 4.

Nell’OKS, il reparto di psicosomatica/psicoterapia (PP), gestito dalla clinica di medicina per adolescenti, riveste un ruolo di primo piano. Il nostro lavoro prevede un approccio terapeutico multimodulare, in cui l’arteterapia e la musicoterapia, come metodi di cura complementari, e in  collaborazione con un team interdisciplinare, hanno potuto affermarsi pienamente. In seno all’OKS, esse godono di ampio riconoscimento e apprezzamento. Il responsabile è il medico capo del servizio di psicosomatica/psicoterapia. I metodi e gli interventi terapeutici, ancorati alle linee guida dell’OKS, si basano sul modello biopsicosociale.

La musicoterapia e l’arteterapia vengono applicate principalmente nella cura di pazienti lungodegenti. Ne approfittano soprattutto le pazienti con disturbi dell’alimentazione e i pazienti affetti da disturbi psicosomatici o psicoaffettivi cronici. La musicoterapia è ormai da anni parte integrante anche nella cura dei pazienti oncologici. Solo recentemente è stata introdotta nel reparto di neonatologia nell’ambito dell’assistenza multidisciplinare dei neonati prematuri, dei lattanti e delle loro famiglie con problemi medici complessi.

 

Responsabili:
Dr. Josef Laimbacher, Chefarzt Jugendmedizin
Dr. Christian Henkel, Leitender Arzt Psychosomatik/Psychotherapie
Dr. Barbara Gindl, Musik-Psychotherapeutin SFMT
Andrea Laimbacher, Dipl. Kusttherapeutin IHK
Melanie Scarpa Maissen, Dipl. Kunsttherapeutin IHK
Isabel Witschi, MAS Klinische Musiktherapeutin, DAS Musik-Psychotherapeutin

www.kispisg.ch