• «L'arteterapeuta mi aiutava ad aiutarmi.
    Ho scoperto che forse la medicina per la mia malattia fosse proprio l’arte.»
    Carla, 18 anni, paziente anoressica all’Ospedale regionale di Lugano

  • «E solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il sé.»
    Donald Winnicott, pediatrae psichiatra

  • «Il servizio di pediatria è come un porto sicuro.»
    Dr Valdo Pezzoli, primario servizio di pediatria, Ospedale regionale Lugano

  • «La creatività è contagiosa, trasmettila anche agli altri.»
    Albert Einstein

  • «La musica, ovvero il linguaggio dei sentimenti, riesce a gettare ponti anche dove la lingua fallisce.»
    Valerij Gergiev, direttore d’orchestra e padrino della Fondation ART-THERAPIE

  • «Lodo la danza che richiede tutto, che favorisce salute e chiarezza di spirito, che eleva l’anima.»
    Sant’Agostino

Universitäts-Kinderspital beider Basel (UKBB)

Musicoterapia nel reparto di terapia intensiva di oncologia, neonatologia e nel reparto di psicosomatica
Malattie acute, croniche e psicosomatiche, cancro, disturbi metabolici, patologie neurortopediche  e neurologiche, dismorfie

La musicoterapeuta seguei pazienti e i loro familiari durante la degenza ospedaliera, spesso di lunga durata. Di solito la terapia ha luogo nella stanza del paziente, oppure in uno spazio comune in forma di terapia di gruppo. Dal 2000, la terapeute si sposta da un reparto all’altro con i suoi strumenti, per trattare patologie di vario tipo e curare i pazienti da 0 a 16 anni. Gli strumenti che vengono impiegati sono diversi: lo hang, la culla sonora, la chitarra elettrica e tanti altri.

La musicoterapia è considerata parte integrante e indispensabile delle cure offerte dall’UKBB perché produce effetti positivi sulla salute psichica e fisica.

Responsabili:
Cornelia Neuhaus, Co-Leitung Therapien
Monika Esslinger, Klinische Musiktherapeutin MAS SFMT

www.ukbb.ch